fbpx

Collo in avanti: rigenera la tua schiena

Collo in avanti: rigenera la tua schiena

La postura della testa e del collo in avanti è un problema posturale molto comune nella nostra società. Infatti i dolori al collo e alla schiena sono tra i fastidi più diffusi: molti imparano a conviverci, altri “soffrono a denti stretti”. Persone di ogni età passano ore e ore al giorno chini su diversi tipi di dispositivi tecnologici, trascurando la propria postura mentre sono assorti nello scrivere messaggi di testo o navigare sulla rete.

I primi tentativi per tentare di sbarazzarsi del problema spesso si orientano nel cercare qualche rimedio immediato (antidolorifici e antinfiammatori) nella speranza di alleviare il torcicollo o il dolore alla schiena causati da una abituale postura della testa e del collo in avanti.

In un ideale allineamento posturale è preferibile avere le caviglie, le ginocchia, le anche, le spalle e le orecchie tutte rientranti lungo una ipotetica linea verticale – la forza di gravità. La testa, relativamente pesante, deve galleggiare sul collo e le spalle. E’ molto importante che la testa sia integrata con la schiena. Questo perché’ ogni 2,5 cm che il collo è tenuto in avanti si aggiunge un aumento di 4,5 kg di peso sul collo.

Una postura caratterizzata dal collo in avanti è anche un fattore anti estetico.

postura a piombo

Un insegnante di Tecnica Alexander tramite l’osservazione e usando il tocco delle mani è in grado di riconoscere la manifestazione di una particolare abitudine erronea e di lavorare con l’allievo per ristabilire l’equilibrio e il movimento naturale del corpo. Questo permette di liberarsi dalle tensioni eccessive e di tutte quelle contratture dolorose al collo e alle spalle.

La strategia che andremo a vedere è la stessa che suggerisco a tutti i miei allievi: seppur una valutazione di persona sia molto spesso fondamentale, ti assicuro che anche questi consigli “base” possono fare molto.

Scopri il Movimento Naturale!

Registrati GRATIS

Registrati Subito! Ottieni gratuitamente l’Ebook Introduzione al Movimento Naturale e molto altro ancora!

Il riposo costruttivo aiuta a ridurre il collo in avanti e molto altro ancora!

Il riposo costruttivo è un modo di sdraiarsi in posizione semi-supina che promuove un buon allineamento del corpo e il rilascio di tutte le tensioni in eccesso. È anche conosciuto come “riposo attivo”, “posizione semi-supina” o “Alexander Lie Down”

Perché farlo?

Sdraiarsi nel riposo costruttivo è uno dei modi più rapidi e semplici per ripristinare la nostra forma naturale ed è uno strumento prezioso per le persone che soffrono di dolore al collo o alla schiena. Sdraiarsi per pochi minuti, una o due volte al giorno, aiuta a:

  • consentire ai muscoli e alle articolazioni di liberarsi dalle tensioni in eccesso.
  • togliere pressione alla colonna vertebrale, facilitando così la decompressione dell’intera struttura del corpo.
  • diventare più calmo e permettere alla respirazione di diventare più regolare.
  • ritrovare energia e facilità per la vita in posizione eretta.

Quando dovrei sdraiarmi?

Almeno una volta ogni giorno! Un buon momento (per chi se lo può permettere) è il primo pomeriggio, in modo da dare al corpo la possibilità di ripristinarsi prima della seconda metà della giornata. Può anche essere prezioso sdraiarsi prima e/o dopo aver aver svolto una qualsiasi attività faticosa o stressante.

Per quanto tempo devo sdraiarmi?

Sdraiati per 10-20 minuti. Seguendo con quotidianamente questo apparente semplice gesto potrai inoltre ridurre differenti problemi estetici e posturali come il collo in avanti, cifosi dorsale e qualsiasi contrattura cervicale.

Scopri il Movimento Naturale!

Registrati GRATIS

Registrati Subito! Ottieni gratuitamente l’Ebook Introduzione al Movimento Naturale e molto altro ancora!

active rest

Come posso sdraiarmi nel riposo costruttivo?

  • In primo luogo è necessario trovare una zona tranquilla e sufficientemente calda dove ci si può sdraiare indisturbati.
  • Sdraiarsi sul pavimento su un classico tappetino da pilates, anche un semplice tappeto può essere sufficiente.
  • Mettere un piccolo mucchio di libri sotto la testa come supporto – questo è un punto cruciale che necessita, molto spesso, dell’intervento di un insegnante. Infatti stabilire l’esatta altezza del supporto sotto la nuca è un fattore che dipenda dalle condizioni presenti nell’intera struttura dell’allievo. Inizialmente 3 / 4 cm di spessore possono essere sufficienti.
  • Piegare le ginocchia in modo che puntino verso l’alto – verso il soffitto – con i piedi adagiati sul pavimento.
  • Lasciare adagiare le mani sul vostro addome, le dita e i polsi completamente rilasciati.
  • Mirate ad essere quasi completamente passivi fisicamente. Il corpo si “affonda” al suolo.
  • Sii consapevole del terreno che sostiene la tua schiena, permettendo alle spalle di riposare mentre la schiena si allarga e tutto il corpo si allunga e si espande.

Suggerimenti

  • Se l’appoggio della testa sui libri da fastidio, si può rendere la superficie di appoggio un po’ più morbida ponendo un piccolo asciugamano o una sciarpa piegata sotto la nuca.
  • Lasciate che i vostri occhi rimangano aperti, almeno per un po’, questo può essere un modo utile per costruire una maggiore consapevolezza del vostro corpo.
  • Se la parte bassa della schiena è dolorosa, può essere utile appoggiare le gambe su un divano o sopra un cuscino. In questo modo le gambe possono riposare completamente e consentire alla parte inferiore della schiena di rilassarsi.
  • Le mani e le braccia possono adagiarsi sul tuo addome, oppure puoi distenderle a lato al di sotto dell’altezza delle spalle, con i palmi rivolti verso l’alto.

Le informazioni contenute in questo sito non devono essere considerate consigli medici. Questo sito non è né può ritenersi assimilabile ad una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità del materiale. Pertanto, non è un prodotto editoriale sottoposto alla disciplina della l. n. 62 del 2001. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio.

Se credi di essere in una condizione che richiede le cure mediche, per favore rivolgiti ad un medico.

Qualunque utente applichi i dati pubblicati in questo sito lo fa sotto la sua diretta ed unica responsabilità.

Leave your comment

Login

Lost your password?